Diversità culturali e formazione internazionale.
flags

Itim Italy

Il primo sito interamente dedicato a chi vuole lavorare con successo e accrescere la propria competitività sul mercato globale, scoprendo tutte le competenze necessarie per comprendere, gestire e collaborare con culture diverse dalla propria.

“Vivere in culture così diverse tra loro è stata un’esperienza straordinaria”

E’ questa la storia di Giulietta Sacconey e Paolo Cerruti, piemontesi che anni fa anno deciso di lasciare l’Italia partendo da Torino e passando tra Francia, Inghilterra, India e Giappone prima di stabilirsi in California.

Continua a leggere...

Expo Milano 2015: le prime impressioni

Expo Milano 2015 è iniziato da qualche settimana e alle porte di Milano sembra essere sorta una piccola Las Vegas. Ecco un breve viaggio tra i padiglioni che più ci hanno impressionato.

Continua a leggere...

Natale: il panettone è il dolce più diffuso in Europa

Una specialità italiana, milanese per la precisione, è il dolce più acquistato in Europa nel periodo natalizio. Stiamo parlando del panettone, vero piatto tipico della tradizione che ogni anno a dicembre conquista le case di tutta Europa grazie alla sua semplicità ed al suo gusto tipicamente italiano.

Continua a leggere...

La necessità di riforme per sostenere la crescita: la lettera di Giorgio Squinzi e Pierre Gattaz

Italia e Francia stanno vivendo una situazione economica per certi versi simile, dove la crescita appare ancora rallentata e la disoccupazione è purtroppo a livelli decisamente alti. Giorgio Squinzi, Presidente di Confindustria, e Pierre Gattaz, Presidente di Medef – la confindustria francese ne sono consapevoli e hanno deciso di mettere su carta una proposta comune […]

Continua a leggere...

Droni: il business parte anche in Italia

Dopo la diffusione in molti stati, compresa la vicina Francia, il business dei droni entra nel vivo anche in Italia. Piaggio, Alenia e molte startup si sono sintonizzate su questo mercato, che potrebbe rappresentare un’interessante innovazione utile a creare nuovi posti di lavoro.

Continua a leggere...

L’Italia deve puntare (anche) sull’ecommerce

In un momento di crisi economica dove i consumi sono precipitati, il comparto dell’ecommerce sembra poter rappresentare un treno in corsa che l’Italia non può lasciarsi scappare. Questo purtroppo non sta succedendo, in quanto gli italiani non hanno ancora fatto propria l’abitudine di acquistare online e quando lo fanno prediligono piattaforme di ecommerce straniere.

Continua a leggere...

L’evoluzione culturale della parola “perdono”

Con il passare degli anni e delle generazioni alcuni termini cambiano il proprio significato stravolti dall’uso che l’uomo ne fa durante la propria vita quotidiana. Tra questi c’è sicuramente il termine “sorry“, da sempre utilizzato per chiedere “perdono”, che negli ultimi anni ha subito un vero mutamento del proprio significato. Vediamo la sua evoluzione..

Continua a leggere...

Le aziende Made In Italy sul podio per competitività

Risultato incoraggiante per le nostre imprese, che secondo gli ultimi dati del Trade Performance Index dell’Unctad-Wto vedono l’Italia al secondo posto, dietro solo alla Germania, per numero di migliori piazzamenti nelle 14 classifiche di competitività relative all’anno 2012 per  altrettanti settori del commercio mondiale.

Continua a leggere...

Remo Ruffini: l’imprenditore italiano dietro al successo di Moncler

Si legge sempre più spesso di acquisizioni di eccellenze italiane da parte di gruppi stranieri, soprattutto in settori quali moda ed abbigliamento, colonne portanti del Made In Italy. Storia diversa è quella di Remo Ruffini, imprenditore italiano che ha acquisito il marchio francese Moncler, sull’orlo della bancarotta, e l’ha portato in meno di dieci anni […]

Continua a leggere...

La Francia sempre più interessata alle aziende italiane

La situazione economica italiana non è tra le più floride, soprattutto per i piccoli imprenditori che devono far fronte ogni giorno ad una tassazione elevata, ad un basso sostegno da parte del Governo e ad una burocrazia che peggiora ulteriormente la situazione. Lo sanno bene alcuni stati esteri che, approfittando di questo momento di instabilità […]

Continua a leggere...