Diversità culturali e formazione internazionale.
flags

Itim Italy

Il primo sito interamente dedicato a chi vuole lavorare con successo e accrescere la propria competitività sul mercato globale, scoprendo tutte le competenze necessarie per comprendere, gestire e collaborare con culture diverse dalla propria.

Alla conquista della Cina: la cultura ed i contratti di lavoro

Il mercato cinese è uno dei più fiorenti al mondo. Seppur ha avuto un piccolo cenno di contrazione è e rimane sempre una possibilità di business anche per noi Italiani. E’ importante però capirne la cultura, in quanto il diritto al lavoro cinese è molto diverso rispetto al nostro. Di seguito alcune informazioni utili…

Innanzitutto parliamo della cultura del lavoro in Cina, dove i contratti non sono considerati, nella maggior parte dei casi, vincolanti come da altri paesi. Questo è confermato dalle statistiche che raccontano di pochi casi di dipendenti che citano in tribunale il proprio lavoro per una violazione dei termini o delle condizioni del contratto stesso.

Una giurisdizione che è stata di recente aggiornata (nel 2008) anche a causa di una sempre più crescente necessità di regolamentazione tra datore di lavoro e dipendente e tra lavoratori stessi.

Di seguito alcune indicazioni da tenere presente:

– i contratti di lavoro vanno messi per iscritto entro un mese a decorrere dal primo giorno lavorativo del dipendente

– i contratti devono prevedere eventuali indennità di fine rapporto, periodi di prova, licenziamenti, patti di non concorrenza e i contratti collettivi.

– In caso di maltrattamento sul lavoro il dipendente può rivolgersi in primis all’azienda in forma scritta e, successivamente, all’avvocato (che mediamente è molto preparato in materia).

– In caso di licenziamento l’azienda è tenuta a dare almeno un mese di preavviso, prima verbalmente e poi per iscritto nel caso di presunta inadempienza professionale.

– la normativa cinese stabilisce che le donne sopra i 25 anni hanno diritto a quattro mesi di congedo dopo il parto oppure, se si ha meno di 25 anni, si ha diritto a soli tre mesi di congedo.

Un ulteriore approfondimento è possibile al seguente indirizzo www.amcham-shanghai.org

Tag:, , ,

Inserito in Culture del mondo, Primo piano