Diversità culturali e formazione internazionale.
flags

Itim Italy

Il primo sito interamente dedicato a chi vuole lavorare con successo e accrescere la propria competitività sul mercato globale, scoprendo tutte le competenze necessarie per comprendere, gestire e collaborare con culture diverse dalla propria.

Italiani di successo all’estero: Roberta Marcenaro

Raccontare storie di successo da parte di nostri connazionali è sempre motivo di orgoglio per tutti, perchè quando valore di noi italiani viene riconosciuto a livello internazionale è un ulteriore punto a nostro favore. Parliamo oggi della storia di Roberta Marcenaro Lyon, che partita da Villanova d’Albenga (in provincia di Savona) è oggi Amministratore Delegato di un’importante società negli USA, la IMARK Holdings, che si occupa di aiutare le aziende europee che vogliono investire nel mercato nordamericano.

Si tratta di una storia davvero positiva e colma di passione e voglia di fare, come racconta direttamente Roberta Marcenaro a Svolta.net: “Mi sono domandata quale fosse il Paese più ricettivo alle mie idee e voglia di costruire. La risposta è stata: gli Stati Uniti d’America. Non ho accettato alcuna proposta di lavoro, mi sono costruita il mio futuro con passione, perseveranza, serietà, cercando di valorizzare il grande patrimonio imprenditoriale italiano in un mercato aperto e in grado di generare business ad alto valore aggiunto”.

Un salto geografico di quasi settemila chilometri, percepito anche a livello culturale, anche se lo spirito di adattamento e l’aver scelto una città abbastanza europeizzata come Washington DC l’ha sicuramente aiutata.

“Avevo troppa energia per sentirne il peso delle difficoltà – continua Roberta – ma ci è voluto poco per ambientarsi, avvantaggiata  grazie alla presenza a Washington DC delle ambasciate, della World Bank e di altre istituzioni. C’è voluto tuttavia molto più tempo per integrarsi nella comunità americana, soprattutto in quella che conta. Occorre essere aperti e crederci, se questo è un obiettivo di vita e di business. Credo molto nel networking selezionato: è la chiave del successo”.

Gli USA poi sono da sempre una terra dove si crede molto nei giovani, non si giudica l’apparenza e c’è un forte senso di “redditività del tempo” e un’alta valorizzazione delle professioni, cosa che ha portato Roberta, grazie alle sue qualità, ad essere anche Professore aggiunto al Dipartimento di Ingegneria del Politecnico di Milano, rappresentante per gli Stati di Washington, D.C. e Texas per la American Chamber of Commerce of Italy, Roundtable member di Sistema Italia presso l’Ambasciata italiana di Washington, D.C., e parte della Society of Military Engineers, American Society of Civil Engineers, American Planning Association, e dell’American Marketing Association.

“In Italia tornerò sempre – dice Roberta – ..ho la fortuna di poter dire che non l’ho mai lasciata”.

 

Tag:, ,

Inserito in Io lavoro nel mondo: diversità quotidiane, Primo piano