Diversità culturali e formazione internazionale.
flags

Itim Italy

Il primo sito interamente dedicato a chi vuole lavorare con successo e accrescere la propria competitività sul mercato globale, scoprendo tutte le competenze necessarie per comprendere, gestire e collaborare con culture diverse dalla propria.

Il miglior posto al mondo dove lavorare? Google!

Qual è il miglior posto dove lavorare? E’ possibile scoprirlo grazie al Great Place to Work Institute, che da un’analisi su oltre 6.000 aziende e 10 milioni di dipendenti da tutto il mondo ha decretato la vittoria di Google, seguito da SAS Institute e la NetApp. Ed i n Italia? Vediamo la classifica…

Un ambiente di lavoro eccellente è quello in cui ti fidi delle persone per cui lavori, sei orgoglioso di ciò che fai e hai un buon rapporto con i colleghi” ha dichiarato Robert Levering, cofondatore di GPTW, sostenendo che ogni ambiente di lavoro può migliorarsi fino a diventare un luogo eccellente dove lavorare grazie all’incoraggiamento e al confronto con le altre aziende che già hanno raggiunto le posizioni alte della loro classifica.

Dando uno sguardo alla classifica mondiale dei posti migliori dove lavorare troviamo oltre al podio occupato da Google, SAS Institute e NetApp al quarto posto Microsoft, che precede W.L. Gore & Associates, Kimberly-Clark, Marriot, Diageo (unica multinazionale europea), National Instruments e Cisco.

Quest’ultima (Cisco) però ha raggiunto la vetta dei migliori ambienti di lavoro in Italia (considerando quelli con meno di 500 collaboratori), seguita dalla W.L. Gore e Associati (azienda che si occupa di dispositivi medicali e tessuti di alte prestazioni come il GORE-TEX) e l’impresa familiare Luccioni, che si occupa di miglioramento dei processi ed efficienza dei prodotti.

Microsoft Italia invece al primo posto tra le migliori grandi aziende grazie alla forte propensione interna a valorizzare il potenziale dei propri collaboratori,  seguita da Tetra Pack Packaging Solutions.

Qui la classifica completa italiana.

Tag:, ,

Inserito in Io lavoro nel mondo: diversità quotidiane, Primo piano