Diversità culturali e formazione internazionale.
flags

Itim Italy

Il primo sito interamente dedicato a chi vuole lavorare con successo e accrescere la propria competitività sul mercato globale, scoprendo tutte le competenze necessarie per comprendere, gestire e collaborare con culture diverse dalla propria.

20 motivi per i quali studiare all’estero potrebbe rovinare la vostra vita


Studiare all’estero è sicuramente una scelta che molti giovani stanno prendendo in considerazione, confortati anche dai consigli di chi l’ha già fatto e da chi lavora al di fuori dell’Italia. Questa volta prendiamo in considerazione il lato ironico di questa scelta, andando a divertirci con alcuni stereotipi legati al Belpaese traendo ispirazione da un articolo di Buzzfeed:

Vediamo quindi in chiave scherzosa perchè studiare all’estero potrebbe rovinare la vita di chi ha deciso di farlo. I temi trattati sono soprattutto cibo e bellezze del territorio, oltre ad alcune nostre peculiari abitudini.

1- Perchè il sole illumina il cielo in maniera più chiara a Piazza San Marco (Venezia)
2- Perchè il gusto del caffè espresso potrebbe mancarvi…
3- Per il gusto della pizza.. inimitabile all’estero
4- Perchè la pasta “cacio e pepe” è la versione più gustosa del Mac’n’Cheese al mondo.
5- Perchè vivere a Positano sarebbe fantastico…
7- Semplicemente perchè i limoni di Sorrento sono più buoni
8- Perchè la Costa Amalfitana è un posto fantastico per passare le vacanze
10- Perchè ci sono molte cose più “cool” della Fiat 500
11- Ma non della Vespa
12- Per il delizioso ed incredibile formaggio
13- Perchè ogni strada che percorrerete sarà il posto più accogliente e caldo che avrete mai visto
14- Per come Italia costruiscono le chiese e organizzano le spiagge
15- Perchè l’aperitivo fa vergognare qualsiasi happy hour
16- Per l’amatriciana, i maccheroni, gli spaghetti alle vongole
17- E la mozzarella di bufala
18- Perchè c’è un negozietto ad ogni angolo della strada
19- Perchè quando te ne andrai salirà la malinconia
20- Perchè non c’è al mondo un luogo così al mondo

E voi.. siete d’accordo?

(immagine www.mariarosariaserritiello.it)

Tag:, ,

Inserito in Io lavoro nel mondo: diversità quotidiane, Primo piano