Diversità culturali e formazione internazionale.
flags

Itim Italy

Il primo sito interamente dedicato a chi vuole lavorare con successo e accrescere la propria competitività sul mercato globale, scoprendo tutte le competenze necessarie per comprendere, gestire e collaborare con culture diverse dalla propria.

Fabrizio Freda, il manager italiano più pagato negli Stati Uniti

E’ nostra abitudine dare risalto ai successi dei nostri manager all’estero. Parliamo oggi di uno dei top manager più pagati al mondo ed il manager italiano più pagato negli Stati Uniti: Fabrizio Freda, 57 enne di origini napoletane a capo del colosso Estee Lauder. Scopriamo i segreti del suo successo…

Il suo cammino nel mondo del lavoro è stato esponenzialmente in crescita: dopo aver ricoperto vari ruoli a livello manageriale, Freda è sbarcato in Estee Lauder nel 2008, ricevendo l’anno seguente la nomina di CEO e Presidente del gruppo del Gruppo da 27 miliardi di dollari prendendo il posto del nipote della fondatrice della casa cosmetica.

“Per affrontare nel modo giusto un’azienda familiare bisogna avere gran voglia di fare e un basso ego” – racconta Freda a sei anni di distanza dall’incontro con Leonard Lauder, che fondò l’azienda nel 1946 – “in quanto un business familiare ha delle qualità straordinarie, bisogna sfruttarle invece di farsi spaventare dagli aspetti critici. Molte aziende di oggi sono orientate al breve periodo, Estée Lauder è da sempre orientata al futuro, dà importanza alla valorizzazione della creatività e ha grande rispetto per gli individui“.

Alla base del suo successo quindi la grande passione per il proprio lavoro ma anche una forte base culturale, che gli ha permesso di entrare in sintonia con gli altri attori aziendali e con il mercato di riferimento, portando l’azienda a risultati economici decisamente al di sopra di ogni più rosea aspettativa.

Tanto da farlo rientrare al nono posto della classifica dei top manager più pagati al mondo, davanti a Jeffrey Immelt di General Electric, a quota 30,9 milioni di euro.

Tag:, ,

Inserito in Io lavoro nel mondo: diversità quotidiane, Primo piano